NEON E BATTERIE

NEON E BATTERIE

Le lampade a risparmio energetico, come anche i tubi fluorescenti, conosciuti più comunemente come “neon”, rientrano nella categoria dei RAEE e come tali devono essere correttamente gestiti al termine della loro vita utile.

Che fare dunque quando neon e lampade a risparmio energetico si esauriscono?

Un’azienda o lo studio di un libero professionista devono conferirle ad operatori specializzati nell’ambito della raccolta dei RAEE che rilasceranno loro apposito formulario di identificazione rifiuti.

CARTA E INGOMBRANTI

CARTA E INGOMBRANTI

La cooperativa provvede alla raccolta e al corretto smaltimento anche di carta, cartone e materiale ingombrante (armadi, divani, mobili etc..). Qualora sia possibile questi materiali saranno avviati al recupero e ri-immessi sul mercato in accordo con la legge regionale 5 ottobre 2015 n.16 che prevede questo tipo di interventi al fine di diminuire la quantità di rifiuto indifferenziato avviato a smaltimento.

RIFIUTI ELETTRONICI

RIFIUTI ELETTRONICI

Nel mondo dei rifiuti c’è un’altra sigla da conoscere, RAEE, acronimo di Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche o semplicemente rifiuti elettronici. Le apparecchiature che per funzionare dipendono dall’energia elettrica sono tantissime e indispensabili: dai grandi ai piccoli elettrodomestici, ai giocattoli; dai computer ai telefonini, per fare solo alcuni esempi. I rischi di abbandono nell’ambiente o in discariche ed inceneritori sono molto elevati con conseguente inquinamento del suolo, dell’aria, dell’acqua e ripercussioni sulla salute umana.

Diventa quindi importantissimo ottemperare alla direttiva Europea (2002/96/CE e 2003/108/CE) e recuperare in maniera differenziata le materie prime di cui sono composti (rame, ferro, acciaio, alluminio, vetro, argento, piombo, etc..).

TONER E CARTUCCE PER FAX E STAMPANTI

TONER E CARTUCCE PER FAX E STAMPANTI

Il trattamento dei toner esauriti può essere eseguito esclusivamente da parte di soggetti autorizzati (D.Lgs. n. 152 del 2006) ed il cittadino deve provvedere a conferire questi rifiuti presso appositi centri di raccolta per avviarli al corretto smaltimento.

In molti casi è possibile procedere alla rigenerazione dei toner allo scopo di rimetterli in commercio.

In questo modo si riduce la produzione dei rifiuti destinati alla discarica risparmiando, inoltre, sulle materie prime. Si calcola infatti che per produrre una cartuccia nuova siano necessari quattro litri di petrolio. Nel caso le cartucce non potessero essere recuperate per intero, queste vengono ridotte in frammenti riciclando separatamente plastica e metalli.

È obbligatorio depositare questo materiale in appositi contenitori denominati “ECO-BOX” per farli poi ritirare quando il contenitore è pieno.

Carrello

Cerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi